«È tutto quanto simbolico» dice Sìa. «Nelle nostre opere ognuno vedrà ciò che vuole.»