Il Village Underground, spazio di coworking nato inizialmente a Londra, è stato inaugurato a Lisbona nel 2014. Abbiamo chiesto alla co-fondatrice Mariana Duarte Silva di raccontarci il recente boom creativo della capitale del Portogallo.

Una dozzina di vecchi container e qualche autobus a due piani sfasciato si ammassano ai lati, coloratissimi, come pezzi di Tetris viventi che si incastrano gli uni con gli altri. Sopra di loro, come una trave maestosa, il celebre gemello portoghese del Golden Gate Bridge, il Ponte 25 de Abril. Benvenuti a Village Underground Lisboa, un’installazione surrealista a incastro tra la zona recuperata dei docks lungo il Tago e Alcântara, storico quartiere della classe operaia. Come in molte altre metropoli, questo scontro tra culture crea un terreno fertile per le idee più brillanti. Tornata da Londra dopo aver lavorato nel quartier generale di Village Underground, un centro che coniugava cultura e lavoro, Mariana Duarte Silva ha capito subito cosa mancava alla sua città natale – e anche dove costruirlo.

Mariana Duarte Silva, co-founder of Village Underground Lisboa
Mariana Duarte Silva, co-founder of Village Underground Lisboa

Mariana, qual è il concetto di base del Village Underground?
Mariana Duarte Silva: Village Underground è principalmente due cose: uno spazio di lavoro condiviso per le attività creative e anche un luogo di ritrovo per feste, eventi o performance d’artista.

Com’è nata l’idea?
Mariana Duarte Silva: Andavo a lavorare nel Village Underground di Londra ed è lì che mi sono innamorata di questo progetto. Dopodiché ho deciso che serviva una cosa del genere anche nella mia città natale.

E come hai fatto a raggiungere l’obiettivo?
Mariana Duarte Silva: Nel 2011, la municipalità di Lisbona, vale a dire il sindaco e i suoi collaboratori, ha deciso di far diventare la città un centro di creatività mondiale. Sono stati perciò istituiti un dipartimento per l’innovazione e i servizi imprenditoriali e un incubatore per le nuove imprese chiamato Startup Lisboa. A quel punto hanno rilasciato varie licenze che coprivano zone diverse e hanno aiutato molte persone ad avviare la loro attività.

E tu eri una di loro?
Mariana Duarte Silva: A dire il vero, è piuttosto buffo perché sono stati loro a scoprire il mio progetto leggendo un articolo in cui parlavo del Village e del mio desiderio di creare qualcosa del genere a Lisbona e sottolineavo il fatto che stavo ancora cercando uno spazio adatto. Dunque è stata la città a contattarmi, a offrirmi il suo aiuto, e io avevo davvero bisogno di quell’aiuto! Alla fine ho optato per un altro spazio perché quello che mi avevano proposto non mi convinceva completamente, ma è stata comunque la città a mettere in moto tutto quanto.

Dicci qualcosa in più sul Village Underground. Cos’è che lo rende così speciale rispetto agli altri spazi di coworking?
Mariana Duarte Silva: Credo che siano le serate. Ai coworker piace sempre far festa dopo aver lavorato. Ma è complice anche la struttura: i container, per esempio, sono tutti interconnessi tra di loro. Perciò è molto facile per la gente incontrarsi. Inoltre, l’intero complesso è stato progettato e dipinto da rinomati street artist di Lisbona, come AKACORLEONE.

Che tipo di gente viene qui a lavorare o partecipa alle serate?
Mariana Duarte Silva: C’è un bel mix di persone del posto: gente del cinema o del teatro, designer, architetti, scrittori, ma anche avvocati, uno studio di registrazione, e agenzie pubblicitarie. Senza tralasciare i molti turisti che passano a trovarci… loro vogliono solo entrare, prendersi un caffè e partecipare alle feste! Siamo in circa 40. Alcuni di noi sono qui dall’inizio, altri restano solo per un paio di settimane.

Mariana Duarte Silva at work
Mariana Duarte Silva at work

Cosa ti piace di più di Lisbona?
Mariana Duarte Silva: Village Underground (risata)! Se devo essere onesta, mi piace proprio tutto di Lisbona. Mi piace il fatto che in 15 minuti posso raggiungere delle spiagge meravigliose, o che i miei figli possano andare al parco dopo la scuola. A Lisbona c’è una luce magnifica, una bella atmosfera e dell’ottimo cibo. E diventa sempre più interessante man mano che aumentano gli stranieri che vengono a vivere qui e condividono con noi le loro esperienze.

Credi che dipenda dalla decisione, presa nel 2011, di diventare una fabbrica di creatività?
Mariana Duarte Silva: Uno dei motivi per i quali me n’ero andata a Londra era che qui non mi sentivo abbastanza motivata. Avevo un lavoro ma era sempre la solita routine, nessun tipo di divertimento. E quando mi sono trasferita a Londra ho provato una sensazione del tipo “wow, ecco cosa voglio”. Oggi, nel 2015, riesco a sentire un po’ di Londra qui a Lisbona, e persino un po’ di Berlino. Penso che questo sia solo l’inizio. Ora sono entusiasta di essere qui.

Mariana Duarte Silva è un’imprenditrice e la co-fondatrice del Village Underground Lisboa.

Guarda il video «One fine day in Lisbon» [Una giornata a Lisbona ] con Mariana Duarte Silva, lo skater professionista Rodrigo Braz Teixeira, e gli street artist Kruella d’Enfer e AKACORLEONE.

Per maggiori informazioni sul Village Underground Lisboa, visita il sito web oppure seguili su Facebook!

Tutte le immagini, compresa l’immagine di testata: broken bloke Production / arte: AKACORLEONE