Posizione, comodità, prezzo – una volta erano questi i criteri per scegliere un albergo. Oggi ai viaggiatori interessa anche l’impatto ambientale. In questi dieci strutture ecologiche potrete rilassarvi con la coscienza tranquilla.

Inspira Santa Marta Hotel, Lisbona

L’Inspira Santa Marta, un boutique hotel a 4 stelle nel cuore di Lisbona, si caratterizza non solo per essere una sorta di «rifugio urbano», ma anche per l’impegno a favore dell’ambiente. Con sauna, idromassaggio, bagno turco, ambienti per trattamenti e sala fitness, offre diverse possibilità per rilassarsi dopo un’intensa giornata trascorsa nella vibrante capitale portoghese.

Grazie alle tecnologie più moderne e agli antichissimi principi del feng-shui vengono raggiunti armonia ed equilibrio fra uomo e ambiente. Luci, colori, energie e materiali selezionati contribuiscono a creare un’atmosfera davvero straordinaria.

L’albergo ha puntato su provvedimenti e strategie sostenibili e a basso impatto ambientale, dall’uso di materiali ecologici alla cura posta nell’evitare gli sprechi degli articoli di consumo.

Viu Milan, Milano

Ai margini della Chinatown milanese, tra monumenti antichi, negozi di lusso, caffè tradizionali, bar e ristoranti, si trova il moderno Viu Milan. Costruito con materiali ecologici, già l’esterno di questo lussuoso albergo colpisce per le splendide facciate in vetro.

Il grande giardino verticale, con fiori di gelsomino, rose rampicanti e glicini, può essere letto come un omaggio al celebre, e non lontano, Bosco Verticale dell’architetto Stefano Boeri. All’interno, ogni piano è caratterizzato da motivi e materiali diversi.

Uno dei pezzi forti dell’albergo è costituito dalla grande terrazza sul tetto con una bella piscina e la possibilità di praticare yoga, fare sport e usare la spa. In mezzo a begli alberi di ulivo, è possibile godere di una fantastica vista a 360 gradi sulla città.

La zona lounge dell’albergo sostenibile Viu Milan di Milano
Il lusso si combina con i materiali ecologici.
Foto: Hotel VIU Milan
La piscina sulla terrazza del Viu Milan
Terrazza con vista su Milano.
Foto: Hotel VIU Milan

Almodóvar Hotel, Berlino

All’Almodóvar il design ecologico e i materiali naturali e sostenibili si mescolano ai piaceri etici e dei sensi. Il primo ecodesign hotel vegetariano di Berlino offre ai suoi ospiti un’atmosfera metropolitana, sostenibilità concreta e benessere in abbondanza.

Anche le stanze dell’albergo, che si trova nel vivace quartiere di Friedrichshain, sono arredate secondo elevati standard ecologici. Oltre a offrire molte cose da vedere, la zona è ottimamente collegata alle altre parti della città. Infine, per rilassarsi dopo una giornata trascorsa in giro, non c’è niente di meglio della sauna o delle oasi di ispirazione giapponese nella zona wellness e spa.

E se vi viene fame, l’eccellente ristorante propone tapas e specialità mediterranee, oltre che cocktail e vini biologici.

Fairmont Waterfront, Vancouver

Vancouver ha in programma grandi cose – e mira a diventare la metropoli più verde, ecologica e sostenibile del mondo entro il 2020. Grazie a diversi provvedimenti per migliorare la qualità dell’aria, ridurre la produzione di rifiuti, incentivare la mobilità elettrica e l’edilizia verde, Vancouver è fra le città più attive e sensibili al tema.

A questa meta ambiziosa puntano anche alberghi come il Fairmont Waterfront, caratterizzato da un’atmosfera familiare ma senza rinunciare al lusso. Grazie a un impianto di recupero termico, per esempio, l’hotel riesce a risparmiare oltre 300.000 chilowattora di corrente.

Con la sua cucina di ispirazione internazionale, il Fairmont si trova nel vivace quartiere del porto, una posizione ottima dalla quale partire per esplorare la città, fare shopping, provare pub e ristoranti oppure effettuare gite, a piedi o in bici, nello Stanley Park, il maggior parco cittadino del Canada.

Savoy, Londra

Londra è la meta preferita dei viaggiatori di tutto il mondo. Il mitico Hotel Savoy, aperto nel 1889 nei pressi di Covent Garden, che ha ospitato personaggi del calibro di Charlie Chaplin e Marilyn Monroe, è tra i più lussuosi della capitale britannica e offre proprio all’arrivo una piccola attrazione: nella strada d’accesso si circola a destra – caso unico in tutto il regno.

Dopo tre anni di ristrutturazione, questo albergo così ricco di tradizione segue standard molto elevati con la nuova gestione dell’energia, dell’acqua e dei rifiuti. Inoltre un «green butler» consiglia gli ospiti in materia di ristoranti biologici, eco-bar e shopping sostenibile.

Una stanza dell’Hotel Savoy a Londra
Il Savoy: sontuoso ma ecologicamente responsabile.
Foto: Hubert Kang

Hotel und Villa Auersperg, Salisburgo

L’Hotel Auersperg, nominato «struttura ricettiva dell’anno 2017», è il luogo ideale per staccare un po’ e rilassarsi, nonostante la sua posizione centrale. Questo albergo a conduzione familiare, arredato con grande cura per i dettagli, ci tiene particolarmente a trattare in modo equo collaboratori, clienti, ambiente e società.

La città di Salisburgo, patrimonio mondiale UNESCO, merita di essere esplorata a fondo con le sue numerose attrazioni. Per riposarsi dopo una giornata in giro, non c’è niente di meglio del bar dell’Auersperg, oppure del suo solarium con sauna, spa, bagno turco e la possibilità di fare yoga e massaggi.

Amari Watergate, Bangkok

La capitale thailandese è anche il centro economico e culturale del paese. Nel cuore del vivace quartiere di Pratunam, noto per i frequentatissimi centri commerciali, l’Amari Watergate sa trovare un equilibrio tra gran lusso e sostenibilità.

Concentrandosi soprattutto su un impiego delle risorse volto al risparmio energetico, l’albergo offre tutti i moderni comfort e dunque è il luogo perfetto dove concedersi un po’ di riposo dai ritmi frenetici della città.

L’atrio dell’Amari Watergate di Bangkok
L’Amari Watergate offre lusso all’insegna del risparmio energetico…
Foto: Amari Watergate Bangkok
Una suite dell’Amari Watergate, hotel sostenibile
… e tutti i moderni comfort della vivace Bangkok.
Foto: Amari Watergate Bangkok

Hotel Carlton’s Montmartre, Parigi

Sulle tracce di Picasso e van Gogh: l’Hotel Carlton’s si trova nel cuore dell’amatissimo quartiere di Montmartre. Con le sue stanze arredate in stile art déco, questo albergo rappresenta un’oasi di tranquillità.

Avendo sottoscritto il programma per la sostenibilità dell’ente del turismo francese, questo albergo si impegna a perseguire uno sviluppo responsabile e rispettoso dell’ambiente nonché a promuovere il patrimonio naturale e culturale della regione di Parigi.

La terrazza sul tetto di questo maestoso edificio dei dorati anni Venti offre una vista da sogno sul Sacré-Cœur, la torre Eiffel e la stessa Parigi – specialmente di notte. La posizione centrale costituisce un punto di partenza ideale per esplorare la città con i suoi vicoli, le boutique, le gallerie d’arte e le numerose attrazioni.

Il Sacré-Cœur a Parigi
Un panorama da cartolina: l’Hotel Carlton’s è proprio nel cuore di Montmartre.
Foto: Flickr / Marko Maras (CC BY 2.0)

Mandarin Oriental, Las Vegas

Innumerevoli casinò dalle luci sfolgoranti, giganteschi palazzi di spettacoli e divertimenti in mezzo al deserto – Las Vegas non è certo la prima città che viene spontaneo associare alla parola «sostenibilità».

Eppure, sulla vivacissima «Las Vegas Strip», c’è un’oasi di benessere tutta particolare: il Mandarin Oriental. D’accordo, si tratta pur sempre di una struttura di lusso a cinque stelle, però questo albergo rinuncia di proposito ad avere un casinò. Inoltre, con la sua facciata in materiali sostenibili, l’hotel punta sulla climatizzazione ecologica e la luce naturale, e inoltre su mobili e tessuti non trattati.

Delle numerose offerte in fatto di spa, sport e wellness si può approfittare in modo altrettanto responsabile – grazie alle tecnologie per risparmiare acqua.

Cavallo Point, Sausalito

Il recupero della vecchia base militare di Fort Baker rappresenta una pietra miliare nel rilancio della regione intorno a San Francisco. Il resort di lusso Cavallo Point, le cui 17 costruzioni storiche sono state restaurate rispettandone la struttura originaria, si trova in prossimità della celeberrima baia, del Golden Gate Bridge e dell’omonimo parco nazionale.

Circondato dalle vigne, eppure ad appena dieci minuti da San Francisco, questo resort è il punto ideale da cui partire per tante gite. Il ristorante, insignito di una stella Michelin, acquista i suoi prodotti da fattorie biologiche regionali e offre una vista spettacolare sul Golden Gate Bridge: uno scenario fantastico per concludere una giornata a San Francisco – una meraviglia per gli occhi e per il palato.

Una stanza al Cavallo Point di Sausalito
Vicino a San Francisco c’è una vecchia base militare…
Foto: Kodiak Greenwood
Il Cavallo Point di Sausalito
… che punta su prodotti biologici e a chilometro zero.
Foto: Kodiak Greenwood