Con la nuova smart electric drive, smart elettrifica tutta la gamma dei suoi prodotti e apre la strada a un futuro sostenibile. Nell’ambito della Global Training Experience, oltre 2.300 consulenti e rivenditori smart hanno fatto la conoscenza dei nuovi modelli. Responsabile del programma di questo evento formativo è Dorothea Rombach di Mercedes-Benz Global Training.

una smart fortwo electric drive gialla e una rossa a Valencia
Un mattino assolato a Valencia.
Dorothea Rombach al lavoro
Dorothea Rombach ha sempre presente il quadro complessivo.

Già l’architettura del luogo in cui si tiene la manifestazione, nel porto di Valencia, è tutto un programma: l’edificio Veles e Vents, ideato dal celeberrimo architetto David Chipperfield, ha un’aria molto futuristica, pur restando incentrato sulla funzionalità e sulla qualità delle esperienze che offre. Proprio come la nuova smart electric drive, il veicolo urbano ideale che permette di spostarsi in città in modo pulito e del tutto flessibile. Migliaia di rivenditori internazionali smart hanno avuto modo di apprezzare direttamente dal posto di guida i pregi delle smart fortwo e smart forfour elettriche: in occasione della Global Training Experience (GTE) hanno collezionato impressioni di prima mano e appreso tutti i dettagli tecnici sui nuovi modelli.

l’edificio di Veles e Vents a Valencia con uno slogan smart
L’edificio di Veles e Vents nel porto di Valencia.
una smart electric drive nera davanti al centro congressi
specchietto retrovisore della nuova smart electric drive
il porto di Valencia

Signora Rombach, la Global Training Experience dà ai rivenditori tutte le informazioni su smart electric drive, l’auto elettrica attualmente forse più al passo con i tempi. Qual è stata la sua personale reazione dopo aver provato il nuovo modello?
Dorothea Rombach:
 Un gran sorriso – e la certezza che vale assolutamente la pena lavorare duro per questo prodotto. I nostri clienti possono guardare con entusiasmo a un piccolo, scattante bolide da città! Il marchio smart ottiene una nuova USP di particolare importanza, pur restando fedele ai suoi valori fondamentali. smart electric drive è la city car perfetta – naturalmente elettrica!

smart davanti a Veles e Vents
La nuova smart electric drive è in attesa di guidatori curiosi.

Per far vivere questa esperienza unica anche ai rivenditori, smart invita a Valencia migliaia di collaboratori internazionali dagli smart center. Quanto è grande questa sfida logistica?
Dorothea Rombach: 
La GTE è uno degli eventi formativi di Daimler, in occasione della quale invitiamo i rivenditori di tutti i mercati a un campus appositamente organizzato. Qui a Valencia lavoriamo sul posto con oltre 140 veicoli e formiamo, nel corso di più di quattro settimane, circa 2.300 rivenditori e consulenti provenienti da oltre 20 paesi. Mettiamo tutte queste persone a contatto con esperti, prodotti e pezzi da esposizione – una sfida grande e anche molto bella.

varie smart fortwo e forfour parcheggiate in fila
Splendide prospettive.
un evento di formazione smart
Una buona organizzazione è tutto.

Trovare un denominatore comune per i mercati internazionali di smart si direbbe una faccenda complessa. Da dove inizia il lavoro per un progetto del genere?
Dorothea Rombach:
 Ho cominciato a occuparmi della GTE di Valencia nel settembre del 2016. Il lavoro ha inizio alla scrivania, dove nasce l’idea. Come prima cosa devo parlare con numerosi interlocutori: con il product management, con i formatori, con i rivenditori. Presso i mercati che partecipano mi informo sulle loro esigenze e sulle aspettative che hanno rispetto all’evento.

Dorothea Rombach al lavoro con una collega
Dorothea Rombach lavora gomito a gomito con la sua squadra.

Come fa a mediare fra le tante richieste differenti dei singoli elementi coinvolti?
Dorothea Rombach:
 La grande sfida, ciò su cui lavoriamo quotidianamente, consiste proprio nel trovare la giusta miscela. Per me è quest’opera di coordinamento iniziale a rendere il lavoro così interessante. Il product management, per esempio, vorrebbe veder affrontati determinati temi. I formatori desiderano materiale valido e una buona alternanza di metodi. E i partecipanti vogliono anche godersi la manifestazione, imparare tanto senza però essere sovraccaricati.

Dorothea Rombach durante un incontro
Una discussione con Dorothea Rombach.

Davanti alle finestre del Veles e Vents, il Mediterraneo scintilla nel sole del mattino. Il programma ha avuto inizio, i vari gruppi sono affaccendati nelle rispettive stazioni e, al più tardi dopo la prima prova su strada, tutti gli ospiti parleranno con entusiasmo degli straordinari pregi della nuova gamma smart electric drive: mobilità a zero emissioni locali, eccezionale piacere di guida grazie alla coppia elevata del motore elettrico, immensa flessibilità.

La due posti smart fortwo e la quattro posti smart forfour sono già disponibili in versione elettrica. La smart fortwo cabrio, l’unica decappottabile elettrica al mondo nella sua categoria, celebra in estate il lancio sul mercato.

una smart rossa al porto
Cattura gli sguardi: una smart forfour electric drive al porto.
Partecipanti al Global Training a Valencia
Partecipanti che si avviano al campus.

È possibile descrivere a parole la sensazione di guidare una smart electric drive? O un’auto elettrica bisogna provarla di persona?
Dorothea Rombach:
 In effetti l’esperienza di prima mano è insostituibile. Perciò diamo ai rivenditori l’opportunità di provare a lungo i veicoli. La particolarità qui a Valencia: i partecipanti non procedono rigidamente incolonnati. Ciò dà loro una libertà tutta diversa rispetto alle normali prove su strada. Così sperimentano in modo differente anche l’autonomia del veicolo, perfetta per il traffico urbano. Al tempo stesso, uno dei punti del nostro programma consiste nel confronto con la concorrenza: com’è guidare altri marchi? Il rivenditore, così, parlando con il cliente può fare paragoni precisi, andandogli incontro il più possibile. Sono in gioco la correttezza e la comprensione del panorama automobilistico. Perciò dedichiamo a questa parte un terzo della formazione.

una smart nera a Valencia
Un incredibile tour di Valencia.
partecipanti all’evento di formazione smart
volante smart
street art a Valencia
smart durante la prova su strada a Valencia
smart dall’interno
una smart rossa vista dallo specchietto retrovisore
una smart rossa durante una prova su strada a Valencia
smart parcheggiata davanti a un graffito a Valencia
una smart e urban art di Valencia
logo smart
il retro di una smart in mezzo alla urban art di Valencia

Al di là delle impressioni di guida, quali argomenti teorici vengono affrontati?
Dorothea Rombach: 
Oltre alle conoscenze tecniche è importante per esempio, in una stazione formativa, saper rispondere alle domande dei clienti su temi tecnici e sulla ricarica. Come si fa a ricaricare un’auto elettrica? Quali possibilità offre una Wallbox? Come si fa a pagare alle colonnine di ricarica pubbliche? Di queste domande ci occupiamo durante la formazione e cerchiamo di sensibilizzare i rivenditori anche rispetto alle offerte locali nei rispettivi mercati.

Con la nuova smart electric drive e i servizi smart «ready to…», smart ha consolidato il suo ruolo di pioniere della mobilità urbana. Cosa significa contribuire a dar vita a questa fase di innovazioni?
Dorothea Rombach:
 smart è sinonimo di forward thinking. All’interno della stessa Daimler, smart fa da apripista con la sua flotta interamente elettrificata, sempre un passo avanti. Collaborare a tutto questo è un vero piacere. La mobilità elettrica sta arrivando e noi ci siamo proprio in mezzo. Spesso penso tra me e me: “Wow, siamo proprio dei pionieri”.

la scritta «being visionary» sul vetro di una finestra a Valencia
smart è consapevole del suo ruolo pionieristico.

Durante la formazione punta molto sul multimediale, per esempio con le prove su strada virtuali. Quanto sono importanti questi innovativi strumenti digitali?
Dorothea Rombach:
 Con le nostre manifestazioni miriamo a essere un punto di riferimento, a dare alla nostra squadra di rivenditori un esempio tangibile della trasformazione digitale, introducendola nella loro quotidianità lavorativa. A questo scopo, naturalmente, dobbiamo essere sempre innovativi. Un’app scaricabile sullo smartphone, per esempio, offre ai partecipanti contenuti on demand sulla manifestazione e sulla location. Durante l’evento di apertura, inoltre, gli ospiti partecipano a una prova su strada virtuale per Valencia. Grazie agli occhiali VR – cioè per la realtà virtuale – è possibile accompagnare il product manager Rouven Remp per i viali fiancheggiati da palme e per i vicoli stretti della città.

prova su strada virtuale di smart a Valencia
Gli ospiti partono per la loro prova su strada virtuale.
Dorothea Rombach con un paio di occhiali per la realtà virtuale
Alla GTE il Global Training punta sull’uso dei media.
app di gioco smart
un partecipante alla formazione con occhiali VR
Global Training Experience: conferenza smart a Valencia
visualizzazione smartphone con l’app smart

Dunque, la tipica «joy of life» di smart è possibile viverla anche durante questa formazione?
Dorothea Rombach:
 Sì, per noi un’atmosfera rilassata è molto importante. Quest’anno abbiamo combinato aspetti della gamification e dell’apprendimento esplorativo. Con l’aiuto dei tablet, ai partecipanti vengono assegnati piccoli compiti o ricerche nell’auto o sull’auto di cui occuparsi in maniera autonoma. Chiaramente anche i dettagli contano, come il DJ che durante le pause caffè mette musica alla smart forgigs. Così imparare diventa un divertimento.

Dorothea Rombach davanti a una smart verde
Dorothea Rombach ripensa a una manifestazione ottimamente riuscita.
una grande scritta smart electric drive sul vetro di una finestra
Atmosfera già serale a Valencia.